Alice nello specchio

Un giorno, all'improvviso:

di Mida Casasco

Un giorno, capitando d'improvviso: una piccola chiesetta di montagna, una stanza dentro il tempo e davanti l'infinito.

Nelle Egadi ci puoi entrare anche attraverso una cornice. O una porta.

Porte strette e allungate, o piccole finestrelle quadrate che qua qualunque cosa rendono un dipinto; se vuoi.

Basta SAPER guardare.

Guardare all'insù, nei cieli tanto limpidi, o attraverso.

Attraverso aperture che costellano le case, i ristoranti, i bar, i chioschi..., e le chiese.

Si, anche le chiese, come una minuscola antichissima chiesa di montagna sperduta e solitaria che davanti a un semplice tavolo di pietra su cui posa un modesto crocifisso ti mette di fronte all'infinito.

Un'unica stanza e pochi passi per accarezzarla tutta; dietro una forma di abside appena accennata scolpita chissà da chi e davanti un quadro aperto, nè vetro nè null' altro, ti si apre su un blu a strapiombo tra aria e mare di cui non scorgi i confini.

E così, anche SAPER accorgersi.

Accorgersi che ciò in cui ti stanno facendo entrare è un gioiello, se sai vederlo; è un mondo lì fermo nella luce che lo sta attraversando, come te.

Allora "Alice attraverso lo specchio" sei anche tu, ti sembra, in quel tempo e in quel momento mentre guardi e mentre ascolti.

Perchè le Egadi ti offrono proprio questo: suoni, tanti suoni; belli, strani, particolari, ma silenzio, anche, spesso.

Silenzio da quel caos urbano a cui siamo tanto abituati se hai la voglia di spostarti un pò più in là del porto, delle calette e dei luoghi meno facili, se lo cerchi e te lo meriti.

Silenzio per sentire quello che non riesci mai a sentire là dove traffico, semafori e rotonde litigano in una frenetica diabolica danza che tutti incattivisce prima o poi.

È così che "i suoni" belli parlano e cantano lungo i profili duri e montagnosi delle tre piccole isole.

È così che respiri, finalmente.

Respiri guardando... E gliene sei grata.

foto di Gianluigi Zautredi Boleto e di Vito Vaccaro

 

Taste & Knowledge

Voci da Favignana
by Umberto Rizza
Landscapes and tastings
by Guido Conti
A different view
by Manuela Soressi